SPECIALE HALLOWEEN 1- Darkrai: L’Urlo Della Morte

[sociallocker id=879]

Darkrai_Wallpaper_by_CRAZ1Un giorno, nella regione di Hoenn, un ragazzo stava allenando il suo Sandshrew nel deserto a fianco a Cuordilava quando ad un certo punto un maledettissimo Trapinch lo stese. Lanciai in campo il mio Blaziken e terminai così la lotta, per poi lasciare la zona sabbiosa in fretta e furia.

Cuordilava era vicina, ma la strada principale era sbarrata e quindi si incamminò per Brunifoglia.

Era nei pressi di una casa quando il suo povero Sandshrew no ce la faceva più, cosi decise di chiedere aiuto agli abitanti della stessa, sperando che lo aiutassero.
La casa era abitata da una vecchietta che lo fece entrare subito e, saputa la storia, lo invitò a riposarsi, insieme ai suoi amici. Date le condizioni di Sandshrew, accettò e si fecero una bella dormita.

Si svegliò con un leggero mal di testa. Era ormai sera, ma voleva a tutti i costi riprendere la sua via. La vecchietta fu però di un altro parere e insistette affinché riposasse ancora di più, data l’ora tarda e il buio pesto. Lui voleva a tutti i costi fare ciò che desiderava ma ci fu qualcosa che lo spinse ad accettare l’offerta e a passare lì la notte.

Si svegliò verso le 9.30 di una splendida mattina. In casa non c’era nessuno e il ragazzo si domandava dove fosse andata la vecchia, ma non gli importava molto e quindi lasciò un biglietto e re-iniziò la sua sessione di allenamento, tornando nel deserto.
Era ormai ad un buon punto nel loro allenamento quando ad un certo punto vide qualcosa di insolito ed imponente, un Pokémon che non aveva mai visto prima e che il Pokedex rivelò essere un Garchomp.

Con un balzo, raggiunse il suo Pokémon e lo azzannò, per poi portarselo via stretto tra le letali mandibole.
Lo rincorse, ma a causa della tempesta di sabbia che si faceva sempre più intensa ne perse le tracce; non si arrese, e dopo molte ricerche trovò un corpo accasciato per terra, semi ricoperto dalla sabbia.

Era il suo povero Sandshrew. Lo riconobbe da una piccola cicatrice che aveva sotto il muso, provocatagli durante un duro scontro. Lo presi in braccio e corsi a chiedere aiuto alla stessa vecchietta del giorno prima.

Arrivato alla casa bussò, ma nessuno rispose. Cercò di aprire la porta ma era bloccata. Era un’emergenza, così decise di sfondarla.

Appena irruppe, trovò la stanza completamente vuota e immersa nell’oscurità. Si guardò attorno con disperazione e tutto a un tratto le pareti, il soffitto… tutto quanto attorno a se cominciò a sbriciolarsi, persino Sandshrew tra le sue mani divenne sabbia.

Ero circondato dal nero, ero in mezzo al nulla! Fu pervaso da un senso di angoscia e disperazione.

Camminai per ore ed ore nell’oscurità e nel vuoto, fino a quando non intravidi due strane sagome. Non capii cos’erano, perciò mi avvicinai, e scoprii che quelle strane ombre erano due Houndoom.

Avvicinandosi notò che uno di questi aveva in bocca il suo caro Sandshrew e lo stava scotennando. Voleva intervenire ma l’altro Pokémon diresse il suo sguardo verso di lui, terrorizzandolo a morte. I suoi occhi erano dei grandissimi cerchi rossi e la bocca era contratta in un ghigno malefico. Era totalmente terrorizzato, quindi si girò di scatto ed iniziò a correre inseguito dai due malefici Pokémon che si facevano sempre più vicini. Vide una porta e, senza esitare, la aprì senza esitazione.

Vide tantissime persone una volta attraversata la porta, ma non erano normali persone, erano quasi trasparenti… erano dei veri e propri fantasmi. Tra loro intravide anche la vecchietta, che lo guardò come per scusarsi. Ma allora non capì ancora per cosa. Improvvisamente un ferocissimo Houndoom lo azzannò al collo.

Si risvegliò di colpo sulla riva di una spiaggia. Ma… come ci ero arrivato lì? Si ritrovò su una piccola isoletta dalla folta vegetazione. Tutti i suoi Pokémon e gli oggetti della borsa erano tornati. Anche Sandshrew stava bene, e ciò lo rese colmo di gioia.

Si trovò dinanzi a uno strano sentiero. Non sapendo che altro fare, lo intraprese. Alla fine del sentiero intravide una radura. Si nascose e vide ciò che vi era al centro… c’era uno spettro! Era tutto nero, fatta eccezione per la testa bianca attaccata a un pezzo di corpo rosso e sembrava essere fatto di fumo nero.

Provò ad analizzarlo, ma quando il suo Pokédex riuscì nell’intento, emise  un suono forte e acuto che lo fece scoprire. Il Pokémon aprì il suo unico occhio e gli riservò il peggiore degli sguardi, seguito da un ruggito profondo e agghiacciante.

Sentiva improvvisamente freddo, il suo cuore batteva troppo forte, chiuse gli occhi e cercò di calmarmi.

Il suo cuore si era calmato. No, aspetta… si era fermato.
Non sentiva più nulla… lo spettro era sparito; si guardò attorno e vide il suo corpo giacente per terra, macchiato di sangue e privo di vita.
Anche lui era diventato un’anima maledetta, un’anima maledetta del suo assassino, Darkrai, il Re degli incubi.

Magari adesso il ragazzo ha seguito questa sua storia con te e se ti capiterà tutto questo sappi che  gli dispiacerà tanto.

[/sociallocker]

 

PRENOTA ORA POKEMON ULTRA SOLE e POKEMON ULTRA LUNA: CLICCA QUI!


Tieniti aggiornato con tutte le novità sul mondo Pokemon sul nuovo sito Giochi Pokemon! All'interno troverai possibilità di acquistare Videogiochi Pokemon, Carte Pokemon, Peluche Pokemon, Vestiti Pokemon, Cosplay Pokemon, Gadget Pokemon, Videogiochi Nintendo e Amiibo.
Precedente I 10 Pokémon più deboli di sempre Successivo SPECIALE HALLOWEEN 2 - GIRATINA: IL DIAVOLO DEI POKEMON
  • Hell AndInad

    molto carina anche se leggermente nonsense in alcuni punti.. e poi, errore grave: lo scambio di persona durante la narrazione.. o si parla in prima persona singolare o in terza.. però complimenti per la fantasia!